Visualizzazione post con etichetta Nicola Pezzoli. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Nicola Pezzoli. Mostra tutti i post

lunedì 11 novembre 2019

Mailand di Nicola Pezzoli

Il web è decisamente interessante.
Per mia fortuna, ultimamente trovo gente più che piacevole, direi costruttiva.
Uno è Nicola Pezzoli. Non ricordo come sono arrivata a lui, gestisce un blog, ho iniziato a leggerlo, qualche volta l’ho commentato e così ho scoperto che è pure uno scrittore. Ho “recensito” un suo libro, Chiudi gli occhi e guarda, e oggi vi voglio parlare di un altro suo scritto intitolato semplicemente
Mailand, che confesso candidamente mi è piaciuto più del primo. Mi ricorda i miei anni universitari, i miei anni quasi 80. Quasi perché in quel periodo ero al termine, ma non c’è una grande differenza.
Anche io, come il protagonista del romanzo, non ero molto entusiasta della facoltà che avevo scelto. I docenti lasciavano desiderare, le classi superaffollate…
Anche io, come il protagonista del romanzo, mentre frequentavo, lavoravo, davo ripetizioni private.
Anche io, come il protagonista del romanzo, ero alle mie prime esperienze sessuali. Imbranata come una foca. (Spero che le foche non se ne abbiano a male)

sabato 4 maggio 2019

Chiudi gli occhi e guarda

In questi giorni ho letto il libro di Nicola Pezzoli intitolato Chiudi gli occhi e guarda.
Il protagonista
Nome: Corradino.
Età: 12 anni e mezzo.
Segno zodiacale: Acquario.
Cosa farò da grande: ingegnere, o studioso di dinosauri, o al limite prete (però molto mistico).
Stato civile: divorziato da Stevanato Cristina (lei non ne sa niente).
Materia preferita: geografia.
Squadra di calcio: Inter.
Squadra di pallacanestro: Emerson Varese.
Macchina preferita: 128 Rally.
Letture: Tex e Topolini.
Canzone: Sweet Lady Blue.
Attore: Totò.
Golosità: la pizza al trancio da Quinto a Varese.
Cose che adoro: i gatti, giocare, la mamma, il Mare.
Cose che mi stan sul culo: la carne, i bulli, le bugie, e tutte quelle stupidaggini che devi fare uguale agli altri come una scimmietta ammaestrata, tipo ballare, cantare Tanti auguri a te, vestirti da festa, guardare il Telegiornale, recitare le poesie a memoria che diventano insulse.