giovedì 23 maggio 2019

!!!

Non difenderti. Quando cerchi di difenderti stai dando troppa importanza alle parole degli altri e dai più forza alle loro opinioni. Se accetti di non difenderti, stai dimostrando che le opinioni degli altri non ti influenzano, che "ascolti".
Che sono semplicemente opinioni e che non devi convincere gli altri a essere felici.
Il tuo silenzio interiore ti rende sereno.
Pratica l'arte di non parlare.
A poco a poco svilupperai l'arte di parlare senza parlare e la tua vera natura interiore sostituirà la tua personalità artificiale lasciando che la luce del tuo cuore e il potere della saggezza sprigionino il "nobile silenzio".
Rispetta la vita degli altri e tutto ciò che esiste nel mondo. Non cercare di forzare, manipolare e controllare gli altri.
Diventa il tuo insegnante e lascia che gli altri siano ciò che sono o ciò che hanno la capacità di essere.
 Mettiti nel silenzio e nell'armonia dell'intero universo.


Thich Nhat Hanh

27 commenti:

  1. Devo dire che sono bellissime parole di grande insegnamento. Quando ci si difende poi si tende anche ad alzare la voce, arrabbiarsi. Invece imparando il consiglio di queste sagge parole tutto migliora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te, cara amica. Il mio monaco zen preferito, insegna molto. Peccato che pochi lo seguano a dovere.
      Abbraccio siempre <3

      Elimina
  2. il silenzio indubbiamente favorisce l'ascolto. a me piace anche parlare e non temo e mi disturbano le parole. ovviamente il dialogo è armonia e non si pone in sterile antagonismo e contrasto violento. buon giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "il dialogo è armonia" come quello che fa la tua "amica" Chiara (Silvi, Larissa, Sissi) che ripete, un giorno sì e un giorno no, sempre le stesse cose mettendo in dubbio la tua identità di gestore del tuo blog e mettendo in mezzo una certa Valeria che non si sa chi sia? Chiamarlo dialogo armonico è un azzardo a mio parere.
      Allora sì che ci dovrebbe essere il silenzio da parte tua, non rispondendole, lasciandola essere ciò che è, come dice il Tai

      Elimina
    2. si tratta spesso di un monologo astruso e piuttosto discutibile. e infatti non sempre rispondo a questi commenti senza senso. quando lo faccio è solo nello spirito di chiarire e tentativo di trovare qualche punto di contatto. sempre senza pretese. non esiste una soluzione data, che sia il silenzio o il dialogo-armonia (che certamente non si può imporre: sarebbe contraddizione in termini). ciascuno trova dentro di sé la propria, nella libertà di espressione. ciao

      Elimina
    3. Non ti poni il problema di chi viene a commentare? E legge sempre le sue minchiate direi ossessive? Ops scusa mi è sfuggito scappato... 😂 😂 😂 😂

      Elimina
    4. cerco di considerare tutto. ma mi pare non sia un gran problema

      Elimina
    5. Posso capire che non sia un gran problema, anzi concordo con la tua affermazione ma devi ammettere che il problema esiste e che a lungo andare diventa fastidioso,soprattutto per te che ripeti alla nausea le stesse cose.

      Elimina
    6. per risponderle... Ciao
      PS lo 📱 è diventato esaurito anche lui. Pubblica da solo 😂😂😂

      Elimina
    7. più che fastidioso è un po' noioso. volendo distinguere i termini e assegnando al secondo il significato di monotono. ciao

      Elimina
    8. Concordo con la distinzione dei termini. 🤗 Siempre

      Elimina
  3. Concordo assolutamente. Parole che tutti noi dovremmo considerare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta Raff. Sono contenta della tua visita e spero di rivederti ancora altrimenti ci vediamo sul social. L'importante è non perderci di vista.
      Purtroppo le parole del Tai volano e si diradano nel vento. Abbraccio siempre tutto per te.

      Elimina
  4. Ciao Anna,il pensiero orientale è molto profondo e infonde ragionevolezza grandi insegnamenti e serenità,ma noi non siamo orientali.
    Un abbraccio fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao caro, purtroppo non siamo orientali. Bisogna comunque dire che vivremo meglio se, almeno ci sforzassimo a seguire gli insegnamenti orientali invece di voler sembrare i migliori. Soprattutto i cristiani integralisti, dovrebbero cominciare a capire che il mondo non gira sul loro fanatismo religioso. Meno parole e più fatti. Abbraccio siempre 😘

      Elimina
    2. Giustissimo post Farfallina mia. Sono un'impulsiva è spesso manifesto le mie idee a torto o a ragione parlandone, finendo per adottare il silenzio alla fine che viene interpretato come la persona che ammette il suo torto.
      In tutti i modi,la mia non espressione mi arreca fastidio, anche se sono convinta che il silenzio sia la migliore strada.
      Abbraccio speciale

      Elimina
    3. Nellina cara, personalmente non credo che la tua impulsività ma desiderio di dialogare. Capisco però che la controparte non è sempre all'altezza della situazione per cui è davvero meglio stare in silenzio. E dialogare con altri. Abbraccio siempre tutto per te 😘 😘 😘

      Elimina
  5. Alzare la voce contro accuse false non serve mai a niente.
    Certa gente va lasciata parlare, anche se costa fatica ignorare insulti e calunnie.

    Ti rispondo anche sul nuovo post: fossi in te non lo cancellerei, anzi lascialo dov'è perché è utile.

    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, nel caso che descrivi tu, è meglio il silenzio e lasciare che gli altri siano ciò che sono...
      Per quanto riguarda il mio ultimo post, fra qualche giorno lo cancello, rovina il mio bel blog 😂😂😂

      Elimina
    2. Comunque ne ho parlato anche sui social, perciò è leggibile ai più, e se vedo che la tipa continua, farò anche il suo nome pubblicamente.

      Elimina
  6. Ho letto su un vecchio libro che la mia insegnante di Yoga mi ha prestato che l'arte della compassione è importantissima e molto diversa da come viene interpretata qui in Occidente.
    Io penso che questa gente sia da compatire nel senso che sono dei poveri malati di mente lasciati in balia di se stessi, con solo una tastiera davanti per esprimere il loro malessere.
    Occorre ignorare tutto ciò che scrivono e pensare che sono persone più sfortunate di noi, incapaci di cogliere ciò che esiste al di là della loro piccola realtà limitata.
    Abbraccio siempre tutto per te!

    Ps: nel fine settimana risponderò alla tua mail.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah sinceramente io non mi preoccupo tanto di questi individui che definirli sfortunati è un azzardo. Io li chiamerei furbacchioni (eufemismo per non dire di peggio). Sono pienamente consapevole che sono di un impoverimento culturale e mentale da far paura. Quello che mi dà più da pensare, invece, è ciò che provano le persone copiate o derubate di una loro idea (romanzo a puntate, con protagonista un gatto, tanto per fare un esempio). Questi blogger, a cui va tutta la mia solidarietà, subiscono un comportamento che oso dire deplorevole e ripugnante. Sono una sostenitrice di un ferreo controllo da parte degli amministratori della piattaforma che, individuati questi personaggi, dovrebbero intervenire bannandoli.

      Elimina
    2. Aspetto la tua email, cara. Abbraccio siempre tutto per te. <3

      Elimina
  7. Non è facile, però è una strada da seguire per evitare di abbassarsi al livello di certa gentaglia che vuole imporsi solo con la scemenza (e anche peggio).
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è facile ma neanche impossibile. Il tragico però che questa gentaglia resta e striscia sempre tra noi...
      Abbraccio cara simeper <3

      Elimina
  8. Ciao bella, forse ancora non lo sai ma quando ti addentri lungo la via del buddhismo a un certo punto ti trovi di fronte a uno dei concetti più importanti, l'accettazione della realtà.
    Buddha insegna che ciascuno di noi di fronte agli eventi della vita deve chiedersi "è questa una verità che posso accettare?".
    Ecco, il fatto che esistano persone infime come quelle che tu hai descritto nel post è una verità accettabile?
    Sì, noi accettiamo che esistono e passiamo oltre dando loro nulla, perché è ciò che si meritano.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  9. Ciao cara, penso che il mio problema stia proprio nel non accettazione della realtà. Dovrò approfondire e mettercela tutta.
    E' arrivato il libro che mi hai indicato "Conosci te stesso". Finalmente lo potrò leggere e parlarne qui.
    Abbraccio siempre <3

    RispondiElimina