sabato 23 marzo 2019

Luna

Immagine presa dal web

Canto alla luna
La luna geme sui fondali del mare,
o Dio quanta morta paura
di queste siepi terrene,
o quanti sguardi attoniti
che salgono dal buio
a ghermirti nell'anima ferita.
La luna grava su tutto il nostro io
e anche quando sei prossima alla fine
senti odore di luna
sempre sui cespugli martoriati
dai mantici
dalle parodie del destino.
Io sono nata zingara,
non ho posto fisso nel mondo,

ma forse al chiaro di luna
mi fermerò il tuo momento,
quanto basti per darti
un unico bacio d'amore.





19 commenti:

  1. Gli scritti e le poesie della Merini mi affascinavo sempre, mai banali, mai scontati, anche se gli argomenti sembrano tali.
    L'esempio classico è questa ode originale alla nostra luna.
    Grazie mia cara, buon sabato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, io ho un'adorazione speciale per la lei, peccato che questa poesia contenga un fondo di morte. Abbraccio siempre per te, e buon proseguimento di settimana. <3

      Elimina
  2. Versi intimi questi della Merini, una preghiera alla luna "madre" sussurrata a fior di labbra. La luna madre ascolta e accoglie le parole e le paure da chi è ormai prossimo alla fine e con un bacio materno carico di amore lo accompagna in questo suo cammino.
    Abbraccio siempre solo per te <3

    p.s. non preoccuparti se non vedi pubblicati subito i commenti sul mio blog, il motivo è che sono impegnata con lo studio e gli esami universitari, di conseguenza pubblico i commenti solo quando riesco ad avere del tempi da dedicare al blog, mentre i post che escono sono tutti programmati.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami, non avevo capito che studiavi ancora...anche se devo dire che in pratica non si smette mai di studiare. Sia come sia fai bene a dare priorità agli esami. La cultura serve, è un ottimo biglietto da visita e direi anche un ottimo passaporto per la vita. Anche se, ahimè, in Italia c'è troppo clientelismo e poca meritocrazia. Io ti aspetterò senza ombra di dubbio anche perchè leggere un commento così "centrato" ed interessante come il tuo fa piacere alla mia persona che lo ha pubblicato con tanto di quadretti. Mica facile per una zuccona come me! Abbraccio siempre per te <3

      Elimina
  3. La luna come versione femminile del mito di Thanatos mi piace tantissimo, grazie per avermi fatto leggere ancora una volta la Merini che amo molto.
    Buona domenica e un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo le "disavventure" che ha vissuto questa poetessa, non ci si può aspettare altro che un riferimento alla morte. Ha scritto dei capolavori! Grazie a te cara che ci sei sempre qui con me. Abbraccio siempre <3

      Elimina
  4. ...quanti pensieri le abbiamo affidato!!!
    Adoro Alda Merini...i suoi versi, i suoi scritti, toccano le più profonde corde del mio cuore.
    Grazie cara e buon lunedì
    baci
    luci@

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco con me un'amica storica mai dimenticata, ed ora ritrovata. Il mio immenso piacere non è descrivibile... Un pò come il piacere che provo leggendo le poesie della Merini. Grazie a te. Buon proseguimento di settimana, con abbraccio siempre <3

      Elimina
  5. Molto bella questa poesia di Alda Merina.
    Molto profonda e per molti reale la luna affascina e attrae quasi tutti/tutte.
    Grazie per averla riproposta. Buona giornata, ottimo lunedì e migliore nuova settimana. Ma soprattutto buon mese di Aprile in arrivo a breve

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La luna è per gli innamorati: un unico bacio d'amore al chiar di luna.
      Buona settimana anche a te di vero cuore, amica bella.
      Abbraccio siempre <3

      Elimina
  6. Ciao Anna, non sapevo che anche tu amassi la Merini!
    In questa poesia c'è un riferimento all'ultimo viaggio, ma non per questo possiamo definirla triste non credi?
    Un bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Melinda, si hai ragione non è una poesia triste ma a me mette un pò di tristezza...quando parla di morte. Abbraccio siempre per te <3

      Elimina
  7. Mamma mia, mi stava sfuggendo il tuo post!
    Scusa!
    Bella questa poesia, è dolce e anche triste come secondo me è stata la Merini nella sua vita.
    Un bacione!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti mi stavo chiedendo quando saresti venuta a trovarmi... Scherzo, bella amica. Però la porta è sempre aperta, per te.
      La Merini diceva che la sua vita è stata bella perchè lei l'ha vissuta fino in fondo.
      Abbraccio siempre <3

      Elimina
  8. La luna in poesia è sempre oggetto di bellissimi versi, forse perché affascina con quel suo sguardo lontano e silenzioso.
    Baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io abito in campagna, alla sera la guardo e penso che è più bella la luna che il sole. Il sole è vero che dà calore, mette allegria ma la luna ha qualcosa di magico, di misterioso. Abbraccio siempre tutto per te. <3

      Elimina
  9. Una poesia autobiografica questa della Merini, che ci rivela i suoi turbamenti. Come un “animale” ferito Alda geme per la paura, una paura che fa trapelare appena ai nostri sguardi attraverso il buio della notte rischiarato dai raggi della pallida luna. La luna che mai l’abbandona, pronta a confortarla quando ormai la fine decisa dal destino che è sempre in agguato è ormai vicina. Alda si identifica nelle spoglie di una zingara, figlia del mondo, che cerca un luogo in cui fermarsi giusto il tempo necessario per dare un bacio al suo innamorato, e questo luogo è la luna ad indicarglielo.
    In questi versi riusciamo a cogliere la tragicità della realtà vissuta dalla Merini durante il suo internamento in manicomio, una realtà un po’ visionaria e tormentata che solo la luna riesce a placare anche se per brevi istanti.
    Alda Merini ha lottato a lungo contro i fantasmi della sua mente, ma è proprio “grazie” ad essi ha scritto le più belle poesie del novecento.

    Cara Anna, grazie per questa poesia, è tra quelle della Merini che amo di più.
    Abbraccio siempre<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello questo tuo commento. Anche io credo che sia stata la sua malattia a farle uscire dal cuore queste liriche. E noi, forse un pò egoisticamente, godiamo delle emozioni che ci procurano. Abbraccio forte forte per te. Siempre <3

      Elimina