venerdì 8 marzo 2019

Giovanni XXIII

Nel 1959 Giovanni XXIII si rivolse, per radio, ai capi delle nazioni dei due emisferi, dicendo:
"Che cosa vi chiedono i vostri popoli? Di che cosa vi supplicano? Non chiedono quei mostruosi ordigni bellici, scoperti nel nostro tempo, che possono causare stragi fratricide e universale eccidio, ma la pace, quella in virtù della quale l'umana famiglia può liberamente vivere, fiorire e prosperare; vogliono giustizia, che finalmente componga i reciproci diritti e doveri delle classi in equa soluzione; chiedono, finalmente, tranquillità e concordia, dalle quali soltanto può sorgere una era prosperità!
Nella pace, infatti, purché sia fondata sui legittimi diritti di ciascuno e alimentata dalla carità fraterna, si sviluppano le arti e la cultura, le energie di tutti si uniscono in operose virtù, crescono le ricchezze pubbliche e private".

18 commenti:

  1. Cara Farfalla, veramente bello questo post sono caro ricordi.
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio e un sorriso.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un grande Papa, io lo adoro e leggo molti libri su di lui perché ne vale davvero la pena. Insegna molto.
      Abbraccio siempre <3

      Elimina
  2. Ciao Anna
    Grande uomo. Peccato che le nazioni di oggi hanno dimenticato quel diavorso. È così bello vivere nella pace, liberi a cuore aperto.
    Un abbraccio ��⚘��
    Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto leggendo la sua enciclica Pacem in terris. Credo che sia un manifesto sulla pace, sull'ugualglianza...
      Ricambio di vero cuore l'abbraccio. <3

      Elimina
  3. Bellissime parole, che però purtroppo non sono state ascoltate: anche oggi sembra che solo la guerra e la violenza siano i "mezzi di comunicazione" preferiti di troppe persone.
    Occorre la pace, , il rispetto,il dialogo, l'essere costruttivi e tolleranti o il nostro mondo non si evolverà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, senza pace, rispetto e dialogo non si costruirà nulla di buono nel mondo. Chissà quando lo capiranno i grandi capi delle potenze?

      Elimina
  4. Scusa, mi sono dimenticata di darti un grande abbraccio!

    RispondiElimina
  5. È quello che chiedono ancora oggi tutti i popoli del mondo. Le guerre alimentano l'odio, le incomprensioni e la violenza a discapito del dialogo. questo Papa è stato lungimirante. Chissà se queste parole pronunciate tanto tempo fa verranno mai accolte e messe in pratica.
    Abbraccio siempre<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, i popoli non chiedono altro che pace. Mi piace quando dice: l'umana famiglia può liberamente vivere.
      Il mio Papa preferito...
      Abbraccio siempre <3

      Elimina
  6. Farfalla leggera hai ragione era un grande Papa.
    Sicuramente saranno libri molto validi ed interessanti i suoi. Passata per un saluto e per farti gli auguri per una serena primavera, qui da me l'aria è già cambiata, anche se molte giornate sono ancora fredde. Ho visto che il tuo profilo è scomparso dal mio blog. Sembra che tu abbia cambiato nome al profilo ma non lo vedo più come follower del mio blog https://ilrifugiodeglielfi.blogspot.com/ ed il tuo blog fotografico pare sparito. Sai che cosa è successo lo hai cancellato tu ?

    RispondiElimina
  7. Ciao cara, è vero sta arrivando la primavera. Sto cambiando alcune cose del blog. L'immagine del mio profilo, non c'è più la farfalla ma il mio viso un pò nascosto ma è il mio viso con tanto di mio nome e cognome. Per le foto sono andata su Flickr perchè ho visto che c'è parecchia gente che ha lo stesso passatempo mio. Ci sei anche tu lì? Se sì mattimi il link. Appena ho finito con la mia "pulizia di primavera" verrò sicuramente a trovarti. Scusami per il disguido. Non sono proprio pratica di queste cose... Abbraccio siempre <3

    RispondiElimina
  8. Non preoccuparti, anzi grazie per essere tornata da me con il tuo nuovo profilo. No Flickr io non lo ho ..... per ora. Visto che ho altro blog fotografico e faccio molta fatica ad aggiornarlo, almeno ogni tanto. Se riesco farò un giro a vedere. Nel caso decidessi di venire sulla piattaforma mi farò viva. Mi spiace per il tuo blog fotografico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto questa scelta perchè sentivo l'esigenza di trovarmi su un social dove ci sono persone che hanno il mio stesso hobby. Non so se mi capisci... Spero di sì.

      Elimina
  9. Certo che ti capisco . . . può anche darsi che alla fine decida di aprire anche io un profilo Flickr, anche se non ho più tantissima voglia di aprire nuovi social e stare tanto on-line.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, fai come faccio io. Fai delle scelte ben precise: commenta blogger che davvero ti diano qualcosa a livello virtuale, gli altri lasciali andare. D'altronde tu non puoi seguirli tutti, dovresti sempre stare attaccata ad internet e qusto a mio parere non sarebbe positivo. Poi posta articoli un paio di volte a settimana o anche solo una volta...Il resto del tempo vivilo nel tuo mondo reale che comunque è più importante. Più vero. Un mio consiglio, poi sei tu che devi scegliere. La libertà, a mio parere, è questa.

      Elimina
    2. Le foto sul blog perdono un pò il loro significato, sui social, a mio parere, no perchè ti puoi confrontare con persone o gruppi che hanno la tua stessa passione. Io ho provato con Pinterest ma di dà solo la possibilità di cliccare il mi piace come FB, ma nulla più. Su istagram non so dirti, lì non ci sono . Su flickr invece c'è la possibilità di commentare.

      Elimina
    3. Dimenticavo il link: https://www.walterquiet.com/fotografia-cellulare/migliori-social-network-fotografi/

      Elimina