martedì 19 febbraio 2019

Presente e futuro


In Occidente c’è una forte motivazione al successo. La gente sa cosa vuole e va diritto al suo scopo. Può essere utile, ma nel frattempo, il piacere di vivere va perduto. C’è un termine buddista che si può tradurre con “senza desiderio” o “senza scopo”. Significa non porsi alcuna meta da raggiungere, perché dentro di sé c’è già tutto. Quando facciamo la meditazione camminata, non ci proponiamo di arrivare da nessuna parte. Ci limitiamo a fare passi sereni, lieti. Se pensiamo continuamente al futuro, agli obiettivi da raggiungere, perdiamo i nostri passi. Lo stesso vale per la meditazione seduta. Ci sediamo per goderci la seduta, non per ottenere qualcosa. E’ un punto molto importante. Ogni istante di meditazione ci restituisce alla vita, perciò quando ci sediamo dovremmo gustare la nostra seduta dal principio alla fine. Spesso ci diciamo: ”Non restare a guardare, agisci” Ma praticando la consapevolezza facciamo una scoperta insolita. Scopriamo che può essere più utile l’opposto: “Non agire soltanto, guarda”.
Per vedere chiaramente dobbiamo imparare a fermarci. Sulle prime, “fermarsi” può sembrare una forma di resistenza alla vita moderna, ma non lo è. Non è una semplice reazione, è un modo di vivere. La sopravvivenza del genere umano dipende dalla nostra capacità di smettere di correre. Abbiamo più di cinquanta mila bombe nucleari, eppure non riusciamo a smettere di produrne altre. “Fermarsi” non implica solo arrestare il male, ma anche favorire il bene, la guarigione.
Ecco lo scopo sella nostra pratica, non eludere la vita, ma sperimentare e testimoniare che si può essere felici adesso come nel futuro. Il fondamento della felicità è la consapevolezza. La condizione essenziale per essere felici è la coscienza di esserlo. Se non siamo consapevoli di essere felici, non lo siamo mai veramente. Quando abbiamo il mal di denti, sappiamo che non averlo è una cosa magnifica. Però, quando non lo abbiamo, ancora non siamo felici. I motivi di gioia sono tanti, ma senza consapevolezza non sapremo apprezzarli. Praticandola impariamo a proteggere con amore le cose belle. Prendendoci cura del presente, ci prendiamo cura del futuro. Lavorare per un futuro di pace, è lavorare per la pace nell’attimo presente.
La pace è ogni passo di Thich Nath Hanh

14 commenti:

  1. Cara Farfalla, credo che questo libro sia molto interessante da leggere.
    Ciao e buona giornata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, sì è molto interessante, tanto che lo sto rileggendo piano piano. Buona serata amico mio :D

      Elimina
  2. Ciao passata per presentarmi, nuova follower.
    Ora seguo entrambi i tuoi blog.
    Buona lettura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi è una bellissima giornata, perchè tanta gente mi sta scoprendo e questo non può che crearmi piacere. Direi che sta iniziando un periodo positivo sul web. <3

      Elimina
  3. Lo stato dell'armonia interiore è frutto di un lungo cammino, spesso occorrono anni per cominciare a capirlo.
    Il guaio dell'Occidente è che ha perso il senso del tempo, teme il futuro e perde il presente.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara. Hai descritto esattamente il mio cammino di questi ultimi anni. Ho lasciato andare il passato, ho imparato a non pensare al futuro (la mia età mi aiuta) e mi godo il presente nella sua piccola quotidianità. Ricambio l'abbraccio con un baciobacio.
      PS questa settimana andrò alla Feltrinelli a comperare il libro "Voci di donne" che hai scritto con Ofelia. Le donne sono un argomento che mi interessa molto.

      Elimina
  4. Imparare ad ascoltare l'universo che ci circonda e condividere l'armonia non è un cammino facile da seguire, per farlo si deve imparare a liberarsi di tutti gli orpelli inutili che la società del mordi e fuggi cerca di cucirci addosso ogni giorno. Allora fermiamoci, riscopriamo chi siamo e rimpariamo ad armonizzarci con la natura, riscopriamo il piacere di assaporare la vita, non lasciamoci fagocitare.
    Ho scoperto il tuo blog per caso, mi piace l'armonia che vi regna.
    Buon pomeriggio, Joanna!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'altra sorpresa, una bella sorpresa il tuo venire sul mio blog e scoprirmi. Concordo in toto con il tuo commento. E' essenziale fermarci, smettere di correre...
      Ti mando un abbraccio

      Elimina
  5. Ciao Farfalla, ho dato un'occhiata al tuo blog, ho trovato delle proposte di lettura interessanti, mi segnerò i titoli di alcuni libri.
    Ciao :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di essere venuta da me, e grazie anche per l'apprezzamento. In questi giorni ho trovato nuove amiche che hanno il mio stesso hobby: la lettura e ciò mi rende contentissima. Grazie con un arrivederci a presto. <3

      Elimina
  6. Per un periodo della mia vita praticando qualche arte marziale ho avuto la fortuna di ascoltare questi meravigliosi discorsi di come riuscire a vivere nella maniera più giusta prendendo spunto dalla nostra consapevolezza del presente.
    Per noi occidentali, tutto diventa una cosa non semplice, così abituati a correre, a protenderci verso il domani, trascurando l'oggi e a non fermarci mai.... tutto l'opposto a quello che in realtà dovremo fare per mantenerci se non felici almeno sereni.
    Grazie per queste tue belle disquisizioni mia cara.
    Bacio leggero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella cara, anche noi occidentali dovremmo imparare dagli orientali. Purtroppo non ci riusciremo mai, a mio parere, almeno non tutti.
      Le disquisizioni non sono mie ma del mio Tai preferito. Io mi limito a trascriverle e a tentare di metterle in pratica. Baciobacio siempre.

      Elimina
  7. interessanti le tue scelte di lettura e interessanti le considerazioni del testo. cose su cui molto ho riflettuto e conclusioni (seppur parzialmente diverse o con altre sfumature) a cui sono pervenuto anch'io. per esempio a me piace porre l'accento sulla disutilità (considera che ho sviluppato un mio vocabolario personale, privilegiando certi contenuti dei termini) dei comportamenti.
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Tai è sempre stato da quando ho cominciato a leggerlo, il mio monaco zen preferito è ti confesso che mi sto avvicinando parecchio a questa sua filosofia. Riguardo ai comportamenti direi che dipende da quali siano. I tuoi commenti sono sempre molto interessanti come i miei post. Modestamente... 😂😂😂 Grazie di esserci, abbraccio siempre <3

      Elimina